I probiotici a cosa servono? Tutti i benefici e la scelta del migliore - Linea Act
Puoi trovare i prodotti Linea ACT in Farmacia e Parafarmacia

Probiotici a cosa servono: dall’apparato gastrointestinale fino al cavo orale

Probiotici a cosa servono: dall’apparato gastrointestinale fino al cavo orale

I probiotici a cosa servono? Questa è la domanda che, ancora oggi, tante persone si pongono. Prima di rispondere facciamo, però, un po’ di chiarezza ricordando che cosa sono e quale differenza c’è con i prebiotici. E, infine, vediamo quali sono i probiotici migliori.

 

Che cosa sono i probiotici

La parola “probiotico” viene usata, per la prima volta, nel 1965 per rappresentare sostanze secrete da un batterio in grado di stimolare l’accrescimento di un altro batterio, con un’attività opposta a quella di antibiotico. Nel 1971, questo termine viene impiegato per descrivere estratti tissutali che stimolano l’accrescimento microbico. La svolta nel 1974 quando la parola “probiotico” viene utilizzata per definire un supplemento dietetico di origine microbica con la dizione “organismi e sostanze che contribuiscono al bilancio microbico intestinale”.

Segue la modifica, datata 1989, in “integratore alimentare contenente microbi vivi che ha effetto benefico sull’ospite migliorando il suo bilancio microbico intestinale”.

A oggi, la definizione ufficialmente riconosciuta e rilasciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura è la seguente: “Live microorganisms which when administered in adequate amounts confer a health benefit on the host”.

Per il nostro Ministero della Salute, i probiotici sono microrganismi che esercitano, se assunti in adeguate quantità, funzioni benefiche per l’organismo.

Ciò premesso, possiamo allora definire i probiotici come microrganismi viventi e attivi (soprattutto batteri) che ricordano i microbi “buoni” naturalmente presenti nel tratto gastrointestinale.

Attenzione, però, a non confonderli con i prebiotici, sostanze non digeribili naturalmente contenute in alcuni alimenti atte a promuovere la crescita, nel colon, di una o più specie batteriche utili allo sviluppo della microflora probiotica.

Tornando ai probiotici, quali sono i requisiti che devono soddisfare le specie microbiche usate dall’uomo?

  • Devono sopravvivere all’ambiente acido dello stomaco e arrivare vivi e vitali nell’intestino per esercitare la loro funzione vera e propria.
  • Devono essere in grado di aderire alla mucosa intestinale per colonizzarla moltiplicandosi.
  • Devono essere sicure per l’utilizzo umano.
  • Non devono essere portatrici di antibiotico-resistenze acquisite e/o trasmissibili.
  • Devono conferire un beneficio fisiologico.

 

A cosa servono i probiotici?

Partiamo da parole semplici, ma nello stesso tempo significative: i probiotici concorrono a migliorare la nostra salute.

Detto ciò, la domanda sorge spontanea. Come fanno i probiotici a migliorare, direttamente e indirettamente, la nostra salute?

  • Rimuovono gli effetti collaterali degli agenti patogeni o microbi dannosi.
  • Forniscono al corpo sottoprodotti utili.
  • Riducono il lavoro del sistema digestivo.
  • Rafforzano il sistema immunitario.
  • Potrebbero integrare, in alcuni casi e con un condizionale d’obbligo, la carenza del nostro materiale genetico prendendo in prestito i prodotti dei loro geni (come nel caso dell’intolleranza al lattosio).

 

I principali benefici: dall’apparato gastrointestinale alle carie dentali

A livello gastrointestinale, i probiotici migliorano la digestione e aiutano a ridurre la quantità di colesterolo nel sangue. Sono poi utili nel trattamento di diversi tipi di diarrea (diarrea del viaggiatore e diarrea indotta da terapie antibiotiche) e malattie infiammatorie intestinali.

Rafforzano, specie in caso di allergie, il sistema immunitario e, udite udite, aiutano a prevenire l’insorgenza delle carie dentali.

Ebbene sì, i probiotici, assunti periodicamente, sembrano essere in grado di contrastare l’accumulo di specie batteriche cariogene all’interno del biofilm, e nella saliva, che si deposita sulle superfici dentali.

Dunque, come rivelano alcuni studi in materia, il consumo di probiotici potrebbe avere un effetto benefico nel controllo del processo di formazione delle carie dentali grazie al miglioramento, indotto dagli stessi, dell’equilibrio microbiologico dell’ospite nel cavo orale.

 

Quali sono i probiotici migliori?

I fermenti lattici in commercio sono davvero tanti, ma tra i probiotici migliori ci sono quelli che contengono il Bacillus coagulans. Il ceppo a cui appartiene è, infatti, tra i più efficaci nel ridurre il dolore e il gonfiore addominale, attenuare lo sforzo associato all’evacuazione e contrastare i sintomi del colon irritabile.

Per riequilibrare la flora batterica intestinale, regolare la motilità gastrointestinale e favorire l’eliminazione dei gas, scegli:

  • Probiotico ACT, integratore alimentare a base di 5 miliardi di spore di Bacillus coagulans, Inulina, Vitamina B6 e Vitamina B12. 
  • Probiotico ACT Gonfiore, a base di 3 miliardi di spore di Bacillus coagulans, Enzimix®, Alfa-galattosidasi, Zenzero, Menta piperita e Vitamina B2.

 

Conclusioni

Abbiamo visto cosa sono i probiotici e a cosa servono e, dunque, abbiamo compreso quali possano essere gli enormi benefici derivanti da un loro consumo periodico. I probiotici non sostengono, difatti, solo l’apparato gastrointestinale, ma contribuiscono alla nostra salute rafforzando le difese immunitarie e aiutandoci a prevenire, come ci raccontano alcuni recenti studi, le carie dentali.

Per l’equilibrio della flora intestinale, per attenuare gonfiore addominale e per favorire l’eliminazione dei gas, scegli Probiotico Act e Probiotico Act Gonfiore, due integratori alimentari a base di Bacillus coagulans.

Dai nostri canali social

Iscriviti alla newsletter

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Ricevi subito 10€ di sconto

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un buono sconto di 10€ e per non perderti ogni mese promozioni in esclusiva per te.

Gli integratori Linea ACT sono prodotti in Italia e notificati al ministero della salute!